“Quiv’era men che notte e men che giorno, / si che ‘l viso m’andava innanzi poco; / ma io senti’ sonare un alto corno

XXXI, 10-11-12