"quando venimmo a quella foce stretta/ dov' Ercule segnò li suoi riguardi/ acciò che l'uom più oltre non si metta;"

XXVI, vv.107-109