“Poi di sua preda mi coperse e cinse”

Canto V Purgatorio verso 129