Noi divenimmo intanto a piè del monte;/ quivi trovammo la roccia sì erta,/ che ‘ndarno vi sarien le gambe pronte.

III, vv.46-48