Nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice nella miseria

Inf. V, vv. 121-123