La bufera infernal, che mai non resta, mena li spirti con la sua rapina; voltando e percotendo li molesta.

Canto V, verso 31-32-33