PER TAI DIFETTI, NON PER ALTRO RIO/ SEMO PERDUTI, E SOL DI TANTO OFFESI,/ CHE SANZA SPEME VIVEMO IN DISIO

IV, 40-42