E quella a me: «Nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice nella miseria; e ciò sa 'l tuo dottore.

Canto V, 120-123