“E come il pan per fame si manduca, così il sopran li denti all’altro pose, là ‘ve il cervel s’aggiugne con la nuca.”

CANTO XXXII vv 127,128,129