"Dianzi, ne l'alba che precede al giorno, quando l'anima tua dentro dormia, sovra li fiori ond'è là giù addorno"

(IX, 52-54)