“Di tante fiamme tutta risplendea/ l’ottava bolgia, sì com’io m’accorsi/ tosto che fui là ‘ve il fondo parea.”

Canto XXVI, vv. 31-33