«Coverto convien che qui balli,/ sì che, se puoi, nascosamente accaffi».

XXI, vv.53-54