“che da le mani angeliche saliva e ricadeva in giù dentro e di fori, sovra candido vel cinta d’uliva”